Occuparsi ora della donazione di organi: la nuova campagna dell’UFSP invita ad agire

27.12.2022

Con la nuova campagna per la popolazione «Non rimandare, occupati ora della donazione di organi.» l’Ufficio federale della sanità pubblica e Swisstransplant incoraggiano la popolazione a prendere subito una decisione in merito alla donazione, documentarla per scritto e comunicarla ai familiari. Se mai dovesse verificarsi una situazione che richiede concretamente di decidere, ciò consente ai familiari di farlo secondo la volontà della persona deceduta senza doversi assumere personalmente l’onere della decisione.

La maggioranza delle persone in Svizzera è favorevole alla donazione di organi, ma soltanto una minoranza ha documentato per scritto la sua volontà o ne ha informato la famiglia. Per questo motivo capita spesso che i familiari debbano decidere in ospedale della donazione di organi senza conoscere la volontà della persona deceduta e, nella maggior parte dei casi, rifiutino la donazione.

Una campagna che invita ad agire

Con la nuova campagna nazionale sulla donazione di organi «Non rimandare, occupati ora della donazione di organi.», la popolazione è invitata a documentare in modo vincolante la propria decisione personale in merito alla donazione di organi, perché pensarci soltanto non basta. Ognuno dovrebbe documentare la propria volontà in una tessera del donatore, in direttive del paziente o nella cartella informatizzata del paziente (CIP).

Sul sito web della campagna www.vivere-condividere.ch la popolazione trova numerose informazioni aggiornate sul tema della donazione di organi e su come esprimere la propria volontà (opuscoli, tessere di donatore, filmati informativi o rapporti con informazioni contestuali). È possibile scaricare o ordinare gratuitamente materiali in diverse lingue.

La campagna, lanciata in collaborazione con Swisstransplant come partner, inizia oggi e durerà due anni.

Il nuovo spot «Occuparsi della donazione di organi!»

Il nuovo spot «Occuparsi della donazione di organi!», visibile da oggi in televisione, online e sui social media, ricorda di occuparsi subito della propria decisione personale in merito alla donazione di organi.

Il 15 maggio 2022, il popolo ha votato a favore del modello del consenso presunto per la donazione di organi. La data precisa del passaggio al nuovo modello non è ancora nota. Fino ad allora rimarrà in vigore il modello del consenso in senso lato, secondo cui il prelievo di organi e tessuti dopo la morte è ammesso soltanto previo consenso.

Durante la fase transitoria (2022–2024) e fino all’introduzione del nuovo disciplinamento l’UFSP informa regolarmente la popolazione sul tema della donazione di organi con la campagna «Non rimandare: occupati ora della donazione di organi».

Donwload e link

Per approfondimenti

Per maggiori informazioni: Ufficio federale della sanità pubblica UFSP, Comunicazione
+41 58 462 95 05, media@bag.admin.ch

Categorie: importante

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la facilità d'uso. L'utente accetta di utilizzare ulteriormente il sito web.

Informativa sulla privacy